Differenza tra ecografia al seno e mammografia

due dialoghi rappresentativi

La scelta se sottoporsi a un’ecografia al seno o mammografia dipende da una serie di condizioni e fattori che variano in base caratteristiche fisiche della paziente o dalle esigenze specifiche dell’esame diagnostico. Vediamo insieme quali sono le differenze tra questi due metodi di imaging e quando potrebbe essere più opportuno optare per uno piuttosto che per l’altro.

Ecografia al seno o mammografia?

Iniziamo ad analizzare gli elementi da prendere in considerazione per scegliere tra un esame e l’altro. Partiamo dalle caratteristiche specifiche di questi test

La mammografia è comunemente utilizzata come controllo di screening per la sua capacità di rilevare le anomalie nelle loro fasi iniziali, specialmente in seni di dimensioni medie o grandi. Per un maggior livello di dettaglio è possibile anche richiedere una mammografia con tomosintesi

L’ecografia al seno, d’altra parte, è più sensibile nel rilevare masse nel tessuto mammario, ed è spesso preferita per valutare specifiche condizioni cliniche. Ma in caso di seno piccolo è meglio l’ecografia o la mammografia? Lo vediamo nel prossimo paragrafo.

Seno piccolo: meglio ecografia o mammografia?

In presenza di seni di dimensioni ridotte, l’ecografia è spesso in grado di offrire un vantaggio significativo. È una scelta da preferire soprattutto per le pazienti giovani per la sua capacità di restituire immagini dettagliate senza l’uso di radiazioni ionizzanti, o in situazioni in cui è richiesta una valutazione approfondita di una particolare area mammaria.

Ecografia al seno dopo mammografia: perchè?

In alcune circostanze, il medico potrebbe prescrivere di eseguire entrambi gli esami, richiedendo soprattutto un’ecografia di approfondimento a seguito di mammografia. 

Il ricorso all’utilizzo combinato dei due test si rivela spesso una strategia diagnostica efficace per ottenere un quadro il più completo possibile

Mentre la mammografia è ottima per individuare microcalcificazioni e alterazioni strutturali, l’ecografia offre una visione dettagliata di eventuali masse o di specifiche aree di interesse, ed è in grado di fornire importanti informazioni per integrare il referto del primo esame.

Ecografia al seno: cosa si vede?

L’ecografia è in grado di restituire numerosi dettagli sul tessuto molle del seno, consentendo una visione chiara delle masse e delle alterazioni strutturali. Un metodo particolarmente utile per individuare cisti piene di liquido o masse solide, offrendo al medico una panoramica più completa della situazione.

Ecografia e ciclo mestruale

Un ultimo appunto sull’ecografia al seno è quando farla rispetto al ciclo. In generale non esiste un periodo più indicato degli altri, anche se alcuni studi medici raccomandano un momento tra il quinto e il dodicesimo giorno del ciclo, tra la fase post mestruale e prima dell’ovulazione.

Per riepilogare, la scelta tra ecografia al seno e mammografia dipende da vari fattori, come:

  • l’età;
  • le dimensioni delle mammelle;
  • le specifiche esigenze della diagnosi. 

In molti casi, una combinazione di entrambe le tecniche è in grado di fornire una valutazione clinica più completa e dettagliata. Prima di decidere a quale tipo di analisi sottoporti richiedi sempre un consulto con il tuo medico per valutare assieme la tua situazione clinica e le soluzioni migliori da adottare.

× WhatsApp